Per informazioni: +39 075 8000390

Tiranti Di Ancoraggio

TIRANTI DI ANCORAGGIO

I tiranti di ancoraggio sono elementi strutturali capaci di trasmettere una forza di trazione a strati portanti di terreno o roccia in profondità.

La tecnica dell’ancoraggio con trefoli e barre di acciaio, nelle opere di fondazione, si è sviluppata parallelamente a quelle del cemento armato e della pre-compressione. Essa è stata applicata per la prima volta ad una grande opera nel 1935, alla diga di Cheurfas in Algeria. Da quella prima applicazione, la tecnica si è andata continuamente affinando, assieme con l’evoluzione tecnologica delle strutture e della geotecnica applicata.

Tra le principali funzioni dei tiranti vi sono:

ancorare al terreno in profondità strutture di contenimento quali muri di sostegno, diaframmi, berlinesi,
trasferire in profondità forze di trazione agenti in fondazione,
contrastare la sotto-spinta idraulica agente al di sotto di strutture realizzate sotto falda,
assicurare la stabilità di opere poste su pendii instabili, migliorare la stabilità di pendii e scarpate, precomprimere ammassi rocciosi o strutture in calcestruzzo massicce.
I tiranti di ancoraggio possono essere classificati secondo differenti criteri, in base a:

destinazione d’uso: tiranti permanenti, tiranti provvisori (fissi o rimuovibili), tiranti preliminari di prova;
modalità di applicazione del carico tiranti passivi, tiranti attivi;
natura del materiale in cui è ancorato tiranti nel terreno, tiranti in roccia;
modalità esecutive riempimento a gravità, iniezione a bassa pressione in unica fase, iniezione ripetuta e selettiva;
tipo di armatura barre, trefoli, profilati (micropali).
Le parti funzionali di un tirante di ancoraggio sono:

la testata, costituita dalla piastra di ripartizione e dal dispositivo di bloccaggio,
il tratto libero, intermedio, costituito dagli elementi di armatura che trasmettono la forza di trazione tra la testata ed il tratto attivo,
ancoraggio (o fondazione), costituito dall’armatura cementata al terreno o alla roccia circostante, al quale trasmette la forza di trazione agente.
Tra i vari tipi di tiranti realizzati, risulta di particolare interesse il tirante tipo IRP o IRS, caratterizzato dalla possibilità di effettuare una iniezione ripetuta e selettiva in pressione, attraverso apposite valvole di non ritorno installate su di un tubo di iniezione predisposto per tutta la lunghezza del tirante. La particolare tecnica esecutiva, che sfrutta l’esperienza maturata nel campo delle iniezioni cementizie, consente di ottenere per questi tiranti elevate capacità portanti anche in terreni di scadenti caratteristiche meccaniche.
Le principali fasi esecutive nella realizzazione di un tirante del tipo IRS sono le seguenti:

Perforazione fino alla profondità di progetto con il sistema e l’attrezzatura più idonei al tipo di terreno da attraversare.
Formazione della guaina, consistente nel riempimento del foro con miscela cementizia, facendola rifluire a partire da fondo foro.
Installazione nel foro del tirante, attrezzato con un tubo di iniezione, dotato nella parte inferiore di apposite valvole di non ritorno denominate valvole “à manchettes”. Questa fase potrebbe precedere la formazione della guaina; in questo caso il riempimento avviene attraverso la valvola più profonda del tubo di iniezione.
Ad avvenuta maturazione della miscela di guaina, esecuzione dell’iniezione in pressione, utilizzando in successione tutte le valvole presenti, a partire dalla più profonda. L’iniezione in pressione può avvenire in più fasi distinte e successive.

Tutti i tiranti di ancoraggio sono oggi soggetti a normative estremamente rigorose, in particolare i tiranti di tipo definitivo. Tali normative, tra le altre cose, prescrivono nel dettaglio quale debba essere il livello di protezione dei tiranti in funzione della durata di progetto, specificando numero e tipi di barriere anticorrosive da prevedere, caratteristiche minime dei materiali da utilizzare, prove di controllo da eseguire, ecc.. , per raggiungere livelli elevatissimi di capacità portante di durabilità, di rapidità di esecuzione e di qualità del prodotto finale.

GALLERIA FOTOGRAFICA

LAVORI REALIZZATI

AUTOSTRADE PER L’ITALIA S.P.A.
FIRENZE - TOSCANA

Aurostrada a1 Milano – Napoli : tratto: Bologna – Firenze km. 255+766 area di servizio est. Opere di consolidamento e fondazioni speciali

Tipologia di lavoro: Pali trivellati e tiranti di ancoraggio

BNP PARIBAS REIM SGR
CORSO ITALIA 15/A - MILANO - LOMBARDIA

Lavori per la realizzazione di opere di sostegno scavi e relativi scavi di sbancamento nel complesso immobiliare di Monteluce - Perugia.

Tipologia di lavoro: Diaframmi e tiranti di ancoraggio
COMUNE DI TORTORETO
C.D.C. COOPERATIVA DI COSTRUZIONI SOC. COOP.
VIA REPUBBLICA VAL TARO N. 165 – 41122 MODENA (MO) - EMILIA ROMAGNA

Eliminazione passaggio a livello s. mama con costruzione variante stradale srt71.

Tipologia di lavoro: Pali trivellati e tiranti di ancoraggio
Share by: